Le risorse messe a disposizione serviranno per il potenziamento della qualità dei servizi rivolti a cittadini e imprese, attraverso la riorganizzazione in chiave digitale, l’aumento della trasparenza e l’accesso ai dati con riferimento alle politiche di open government.

Ma anche alla riduzione dei tempi dei procedimenti e dei costi della regolazione, alla gestione del personale e organizzazione delle strutture amministrative, alla riscossione dei tributi anche attraverso l’utilizzo di nuove piattaforme digitali (Pago PA) nonché al potenziamento dello smart working , allo sviluppo delle competenze, dei modelli e dei format per gli acquisti e gli appalti pubblici e delle politiche territoriali per il miglioramento dell’efficienza organizzativa e dei processi amministrativi.

L’avviso riguarda 85 Comuni in tutta la Puglia, tra cui, nel leccese: Cursi, Muro Leccese, Andrano, Specchia, Salve, Uggiano La Chiesa, Supersano, Arnesano, Sogliano Cavour, Castrignano de’ Greci, Carpignano Salentino, Spongano, Minervino di Lecce, San Pietro in Lama, Miggiano, Morciano di Leuca, Santa Cesarea Terme, Diso, Tiggiano, Castri di Lecce, Botrugno, Montesano Salentino, Caprarica di Lecce, Ortelle, Castro, Nociglia, Sternatia, Melpignano, San Cassiano, Giurdignano, Zollino, Seclì, Bagnolo del Salento, Patù, Cannole, Martignano, Surano, Sanarica, Palmariggi, Giuggianello.

Fonte

cursisalento canale telegram

CONDIVIDI IL POST SULLE TUE CHAT